Giovani Designer emergenti nel nostro showroom

Durante il mese di dicembre siamo stati lieti di accogliere tre nuovi professionisti  nell’ambito del fashion design presso il nostro showroom di Solaro, Milano.

Si tratta delle sorelle Aya e Mounaz Abdelraouf dall’Egitto, designer della nuova linea di borse ed accessori a marchio Okhtein ed Amine Bendriouich dal Marocco, autore dell’omonima linea d’abbigliamento.

Questi giovani stilisti sono i vincitori del concorso OpenMymed Price 2017 organizzato  da Maison Méditerranéenne des Métiers de la Mode (MMMM),  associazione governativa, partner di Tajima, nata nel 1901 con lo scopo di contribuire allo sviluppo del settore moda trasmettendo cultura.

Dicembre 2017 – Aya e Mounaz Abdelraouf di Okhtein ed Amine Bendriouich nello showroom Studio Auriga

In particolare l’attività di questa società si basa sulla ricerca e sulla selezione di nuovi talenti nella regione euro/mediterranea, sostenendone il loro sviluppo.

Ogni anno la Mediterranean House of Fashion Professionals (MMMM) organizza il concorso OpenMyMed Prize per trovare nuove risorse da affiancare agli stilisti di Marsiglia e della regione circostante ed ai designer di moda dei paesi mediterranei.

Dal 2010, il premio Open si è aperto a 19 paesi tra cui Albania, Algeria, Cipro, Croazia, Egitto, Francia, Grecia, Israele, Italia, Libano, Malta, Monaco, Montenegro, Marocco, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia.

Grazie al supporto di partners privati e pubblici, tra cui Tajima, il premio ha raggiunto una fama internazionale che ha portato alla creazione di un team di 104 fashion designers in cui comune denominatore è lo stile mediterraneo.

I giovani designer vincitori del premio OpenMymed Price 2017 presso la sede Tajima Europe di Marsiglia. Credit photo http://bit.ly/2rSdOnh

Nel gruppo di questi laureati vincitori del premio OpenMyMed figurano appunto i tre giovani talenti arrivati nel nostro showroom nel mese di dicembre 2017.

Aya e Mounaz Abdelraouf designer di Okhtein ed Amine Bendriouich dal Marocco, autore dell’omonimo marchio di abbigliamento.

Questi ragazzi avevano, come parte integrante del loro premio,  la possibilità di realizzare un progetto personale con il supporto delle tecnologie Tajima.

Per questo motivo sono giunti a Milano insieme al nostro partner Franck Raynal della Tajima Europe di Marsiglia. In foto Stefano Pucci, Direttore Studio Auriga, con Franck Raynal, mostra a Mounaz Abdelraouf di Okhtein ed Amine Bendriouich, il processo di realizzazione del ricamo con le macchine Tajima.

I ragazzi sono stati entusiasti di sviluppare in sinergia con i nostri tecnici il loro personale progetto decorativo. In foto  Aya and Mounaz Abdelraouf di Okhtein nella fase di studio del ricamo con Milena Guandalini, divisione prototipi di Studio Auriga.

   

E’ stato un onore affiancare questi giovani talenti nella realizzazione del loro progetto decorativo personale. Ringraziamo tutti coloro che hanno reso possibile la riuscita di questa giornata speciale, in particolare Coralie Tong, Communication Manager di MMMM, Franck Raynal di Tajima Europe, dal nostro staff: Aurelio Battarra per aver seguito i progetti di punciatura, Milena Guandalini, per la messa in produzione delle lavorazioni e Francesco Urban, per il coordinamento.

Auguriamo a queste giovani promesse della moda internazionale che questo sia solo l’inizio di un percorso ricco di soddisfazioni e riconoscimenti professionali.

Da sinistra Aya Abdelraouf (Okhtein), Milena Guandalini e Francesco Urban (Studio Auriga), Coralie Tong (MMMM), Mounaz Abdelraouf (Okhtein), Franck Raynal (Tajima Europe), Aurelio Battarra (Studio Auriga)

Per maggiori informazioni:

 

Lineapelle, Trend Report Autunno Inverno 2018-19

La 93esima edizione di Lineapelle si è svolta il mese scorso a Milano, nei padiglioni di Rho Fiera. Evento di portata internazionale per il settore “pelletteria per la moda” e più in generale per gli operatori di settore che ricercano il top dell’offerta stilistica di concerie, accessoristi, componentisti, tessuti e sintetici, Lineapelle è un percorso affascinante che si fa precursore dello stile invernale del prossimo anno e che attrae migliaia di visitatori e buyers provenienti da tutte le parti del mondo.

Passeggiando tra gli stand è stato possibile captare le linee guida sullo stile ed i trend che troveremo nelle prossime sfilate Autunno Inverno 2018-19.

Il mood sviluppato per la nuova stagione si chiama New Sensorium* e si propone di esplorare nuovi traguardi della percezione, attraverso il colore ed i materiali.

In mostra tra gli stand si potevano notare nuovi mix di materiali e colori per effetti imprevedibili e straordinariamente moderni. Come le nuove tonalità pastello, toni neutri, caldi e naturali spesso abbinati con colori più scuri e con il bianco invernale.

 Nei tessuti e nei pattern è presente un costante riferimento allo stile classico mixato a dettagli più creativi che attualizzano i capi, come a riprendere le più recenti sfilate Autunno Inverno 2017-18. Per ingrandire le immagini a seguito, clicca sulle foto.

  In foto da destra: Antonio Marras e Alberto Zambelli AI 2017-18, fonte: Vogue.it

A partire da materiali basici compaiono evoluzioni coraggiose per effetti fashion ma anche funzionali e declinabili nello streetstyle. In foto alcuni esempi, sneakers La Premiata rivestite in velluto rosso e snow boots glitterati by Chiara Ferragni.

 Altre superfici tessili appaiono costruite con ricchezza di materiali e decorazioni, stampe e ricami a rilievo, disegni floreali taglio laser, applicazioni modulari, motivi tappezzeria, o broccati, con riflessi luminosi.

Nel settore pelletteria nuovi effetti di stampe digitali multicolore su basi lucide, venature in rilievo, accoppiature di texture con contrasti audaci.

In generale il trend verso superfici luminose, pelli intarsiate con colori metallici e cangianti che evocano il mondo digitale, è apparso molto forte.

 

Il tocco fluo ha contagiato anche i rettili, lavoratissimi , sovrastampati, laserati, laminati, perlati glitterati.

   Stravanganza quindi, ma con quella giusta dose d’ironia che rende portabile, casual ed estremamente attuale anche l’accessorio più insolito.

*Fonti: Le fotografie in fiera sono state scattate da me, per info scrivere a silvia.auriga@gmail.com, i testi sono mie considerazioni personali sulla fiera unite a rielaborazioni dei trend tratti dai siti https://www.lineapelle-fair.it/ithttp://www.milanounica.it/, le foto delle sfilate sono tratte da Vogue.it